Buon Ricordo

Frutti di mare in tavola

03/09/2021

I frutti di mare, sono una vera prelibatezza, ma sono anche preziosi per la nostra salute grazie alle loro caratteristiche organolettiche. Versatili e adatti per tantissime ricette, i frutti di mare, si possono consumare crudi, al vapore, al gratin o cotti. Può essere utile scegliere un vino adatto da abbinare per gustarli in tutta la loro bontà. La regola generale è quella di abbinare un vino che aiuti a sgrassare la bocca (come si dice in gergo) e non sovrasti la delicatezza dei sapori tipici di questi preziosi ingredienti. Scopri tutta la nostra selezione di VINI

Quali sono i frutti di mare?

In cucina si definiscono così gli organismi acquatici invertebrati, una denominazione che connota i molluschi, gustosi, ricchi di vitamine, sali minerali, oltre che proteine nobili e poveri di grassi.

Tra i principali e più diffusi frutti di mare troviamo le vongole, le cozze, le ostriche e le capesante il cui consumo è consigliato fino ad un massimo di tre volte alla settimana. L’importante è scartare quelli con i gusci non integri e lasciarli a bagno in acqua salata per circa mezz’ora, prima di procedere alla preparazione del nostro piatto e, se decidiamo di far schiudere i gusci in padella, conservare il liquido che rilasciano (filtrandolo) perché ricco di sapore. Se invece preferiamo consumarli crudi, basterà inserire un coltello tra le valve e staccare il legamento che le unisce.

Frutti di mare e vino: Gli abbinamenti migliori

COZZE
In abbinamento alle cozze, è consigliato un vino bianco tenero tendente al dolce ma anche un rosato salentino come il Negroamaro e il Primitivo Fresco.
Primitivo Rosato IGP 750 ml – Notte Rossa

 

VONGOLE VERACI
Per gustare al meglio le vongole veraci, è consigliato un vino morbido, che abbia ancora un buon corredo di acidità come il Vermentino Ligure, l’Inzolia siciliano o il Falanghina del Sannio.
Vermentino Colli di Luni DOC 750 ml – Terre Di Lunae

 

OSTRICHE CONCAVE
Un grande classico con le ostriche, è di certo l’abbinamento con lo Champagne, ma è ottimo anche un vino bianco di Borgogna o un vino dolce come il Moscato D’Asti.
Moscato d’Asti DOCG 750 ml – Duchessa Lia

 

MURICE SPINOSO
Per valorizzare il gusto del Murice Spinoso, è ideale l’abbinamento con un vino bianco fresco, strutturato e con buona sapidità, ad esempio il Greco di Tufo o un friulano.
Greco Di Tufo DOC 750 ml – Feudi di San Gregorio

 

TRIS DI FRUTTI DI MARE
Il tris di frutti di mare si sposa perfettamente con un buon vino bianco fermo come il Pinot Grigio ma anche un vino rosso tenue come il Grignolino che sprigiona sapori e profumi inaspettati.
Pinot Grigio Alto Adige DOC 750 ml – St. Michael Eppan

 

CAPESANTE ATLANTICHE MEZZO GUSCIO
Per accompagnare la morbida e succulenta polpa delle capesante, ottimo lo Chardonnay ma è anche da provare un vino bianco fermo dell’Alto Adige o uno Champagne Extra Brut, fresco.