Senza categoria

Fave, salame e formaggi: un’abbinata imprescindibile

13/04/2022

Appena si pronuncia la parola “fave”, l’associazione di idee ci fa dire che insieme ci va il salame. E anche il pecorino o il sardo fresco. Ci sono delle abbinate culinarie che hanno consolidato la loro unione nei secoli: matrimoni longevi e indissolubili. Del resto, i salumi e i formaggi con i legumi sono da sempre un secondo piatto veloce che consumiamo abitualmente, quando il frigorifero è quasi vuoto o desideriamo mangiare qualcosa di veloce, ma anche saporito.

Le fave

Le fave si trovano facilmente ormai tutto l’anno, ma se preferiamo i legumi freschi di stagione, ecco che i baccelli croccanti e verdi fanno il loro ingresso proprio nei mesi intorno ad Aprile. Le fave hanno moltissime proprietà e sono un’incredibile fonte proteica. Le trovate spessissimo nelle diete perché sono tra i legumi meno calorici e sono ricche di ferro, fibre e sali minerali. Togliete la pellicina che le ricopre e mangiate solo la parte interna: il loro sapore vi esploderà in bocca e saranno molto più digeribili in questo modo. Perfette cotte, appena sbollentate qualche minuto in acqua bollente e ripassate in padella, sono buonissime insieme ad un cipollotto tagliato sottile, soffritto insieme a cubetti di pancetta. Un abbondante pioggia di scaglie di pecorino darà l’ultimo tocco al vostro piatto.

Il salame

Il salame da abbinare varia a seconda dei gusti: grana fine o più grossa, già affettato o da tagliare, uno per tutti, specie in occasione di festività, è quello di Sant’Olcese. Tipico salame ligure macinato a grana grossa e a limitata stagionatura, fu prodotto per la prima volta a Orero, oggi frazione del comune di Serra Riccò, prima a livello locale, e poi a livello industriale agli inizi del XIX secolo facendo di questo salame il successo gastronomico che oggi conosciamo.

I formaggi

Invece, per il pecorino, sono ben otto le denominazioni d’origine protetta (DOP) registrati sotto il nome “pecorino”: il Pecorino Romano, quello Toscano, Sardo, di Filiano, Pecorino Crotonese, Pecorino di Picinisco, Pecorino Siciliano e del Pecorino delle Balze Volterrane. Questo formaggio a base di latte di pecora è molto amato e si gusta da solo, con le verdure o come condimento della pasta o di altri piatti che necessitano di una spinta di sapore.

Ricette con fave, salame e formaggi

Oltre al tradizionale pic nic della giornata di Pasquetta o del Primo Maggio e di qualsiasi domenica di sole che la primavera inizia a regalare, l’abbinamento fave-salame-pecorino è anche alla base di alcune ricette sfiziose che abbiamo scovato per voi. La prima è quella del plum-cake, una vera delizia da preparare per tempo e servire a fette come si farebbe con un arrosto o un polpettone. È un piatto veloce da gustare il giorno successivo, o proporlo per un aperitivo o una cena tra amici.

Per depurarsi dopo un lauto pranzo domenicale o legato alla festività della Pasqua, invece, ecco che la vellutata di fave ci viene in aiuto: buona, veloce da cucinare, è un toccasana per la dieta e il nostro organismo. Di facile preparazione, è ideale la sera: una variante del classico passato di verdure o del minestrone. E con l’aggiunta dei crostini può diventare un piatto ricercato e molto raffinato.

Altrettanto semplice, la tartare di fave e salame è un secondo sfizioso e se impiattato per bene, potrebbe rappresentare un tocco gourmet sulla vostra tavola. Basta avere a disposizione dei coppapasta e il gioco è fatto. Volete provare? Munitevi di grembiule e mettevi ai fornelli. Stupirete i vostri familiari e i vostri ospiti!