Buon Raccolto

Il verde che fa bene

19/11/2019

Le proprietà benefiche racchiuse nei cavoli, nei cavolfiori e nei broccoli.

L’autunno è ormai iniziato da un po’ e, si sa, l’abbassamento delle temperature, spesso repentino, porta con sé anche i primi malanni di stagione.

Non fatevi cogliere impreparati ma approfittatene per portare in tavola tutti i prodotti, ricchi di sostanze benefiche, che la natura offre in questo periodo dell’anno.

Tra questi, impossibile non annoverare i cavoli, i broccoli ed i cavolfiori.

 

CAVOLO

Disponibile nella varietà cappuccio, verza, nero e cavolini di Bruxelles ricchi di vitamine C, B9 (acido folico) e potassio, ha poche calorie ed è quindi indicato anche nelle diete ipocaloriche.

Il cavolo nero, caratterizzato da lunghe foglie bitorzolute color verde scuro arricciate è uno degli ortaggi più antichi e ricchi di proprietà benefiche per l’inverno, come antiossidanti, sali minerali e vitamine.

Fino a poco tempo fa considerato un ortaggio poco nobile perché utilizzato principalmente nella preparazione di piatti poveri, oggi è ritenuto un vero e proprio superfood, anche chiamato Kale, per le quantità significative di flavonoidi, dalle proprietà antinfiammatorie, di cui è ricco.

Consumarlo con regolarità permette di difendersi al meglio dai raffreddori.

Al di là delle ricette della tradizione, le sue foglie dorate al forno con aggiunta di olio, semi di sesamo, lino e pepe, si trasformano in gustose chips (kale chips) in grado di conquistare anche i palati più esigenti, come quelli vegani ad esempio, presenti tra i nostri commensali.

 

Esiste un National Kale Day, una giornata interamente dedicata al cavolo nero che generalmente si celebra ad ottobre, caratterizzata dal motto “il kale non è solo un superfood, quando si tratta
di salute è un supereroe”.

 

CAVOLFIORE

Ricco di potassio, calcio, fosforo, ferro, acido folico e vitamina C è particolarmente indicato in caso di diabete perché le sue proprietà contribuiscono a controllare i livelli di zuccheri nel sangue.

Il consumo più comune lo vede bollito o al vapore ma è ottimo anche al gratin o come mousse per condire primi piatti o accompagnare, a mò di vellutata, dei gustosi secondi.

È importante, quando lo si compra, scegliere un fiore sodo e compatto con le cimette ben chiuse, per evitare che si deteriori facilmente, essendo un ortaggio moto delicato.

 

Per contrastare l’odore non particolarmente gradevole che il cavolfiore emana durante la cottura, basta mettere sul coperchio un pezzo di pane raffermo imbevuto nell’aceto o aggiungere un po’ di latte all’acqua di cottura.

 

BROCCOLI

Sono un ortaggio molto amato per il sapore deciso e le pochissime calorie.

Ricchi anch’essi (come i cavolfiori ed il cavolo) di calcio, fosforo, ferro e potassio, hanno anche un significativo contenuto di fibre alimentari, indicati quindi in caso di stitichezza.

Combattono la ritenzione idrica, aiutando l’organismo a disintossicarsi e ad eliminare le scorie.

Recenti studi hanno inoltre dimostrato che sono in grado di mitigare le infiammazioni delle vie aeree superiori (faringe, laringe, trachea e parte alta dei bronchi), grazie al sulforafano, una sostanza in grado di prevenire la crescita delle cellule cancerogene.

Solitamente consumati lessi o al vapore sono perfetti come ingrediente principale per torte rustiche o per aggiungere gusto e carattere al solito spezzatino.

 

Secondo alcune testimonianze sia i cavoli che i broccoli erano un cibo sacro per i Greci ed i Romani che ne facevano uso per curare diverse malattie e, addirittura, lo consumavano crudo prima dei banchetti per consentire all’organismo di assorbire meglio l’alcool.