Buon Appetito

Hamburger, pane e fantasia

10/08/2021

Una cascata di sesamo tostato, crosta croccante, interno di morbida mollica, macinato scelto e salsine a piacere. Stiamo parlando del famoso hamburger che subito ci fa pensare alla bandiera stelle e strisce? Farcito con ingredienti più strani che soddisfano tutti i gusti, l’hamburger, è il cibo preferito da tutti gli americani. Oggi, però, è diffusissimo anche nel nostro paese e riesce ad unire la tipicità USA con le materie prime caratteristiche di ogni regione italiana. Non è raro infatti trovare girando per le strade, le celebri hamburgerie, da considerarsi a tutti gli effetti dei veri e propri ristoranti. All’interno del menù, infatti, troviamo macinati ricercati come quelli di Chianina e fassona ma anche macinati conditi con carni di mora romagnola, mortadella e addirittura… foie gras!

STORIA E CURIOSITÀ

Sembra che le prime tracce di hamburger risalgano al 1884, periodo in cui alcuni migranti tedeschi sbarcarono sulle coste del nuovo continente. Pare proprio che il famoso panino non abbia propriamente origini americane bensì germaniche, e la parola pare sia frutto di una fusione tra inglese e tedesco. Si pensa infatti che l’hamburger sia nato ad Amburgo per sfamare, velocemente e per mezzo di un piatto unico che unisse carboidrati e proteine, gli operai che lavoravano nel grande porto della città. Una volta arrivati nel nord America gli operai importarono la ricetta, che si diffuse su suolo americano inizialmente con il nome di “Hamburger Steak”, bistecca amburghese e poi, semplicemente, hamburger. Divenuto celebre grazie al fast food Mc Donald’s, sembra che questo piatto sia il più conosciuto al mondo, al pari della nostrana pizza.

COME CUCINARE L’HAMBURGER GOURMET

Cucinare e cuocere un hamburger gourmet sembra davvero qualcosa di banale e scontato. Basta accendere la griglia, aspettare che la carbonella si scaldi e arroventare carne e panini. Dedicarsi alla cottura e alla preparazione di questo piatto non è difficile, ma con alcuni piccoli accorgimenti e finezze i vostri panini diventeranno davvero qualcosa di prelibato, di cui voi e i vostri amici non potrete più fare a meno ogni volta che qualcuno proporrà una grigliata in compagnia. Per prima cosa la carne deve essere di qualità, ancora meglio se macinata direttamente dal macellaio. Optate per la scelta di tagli non troppo magri come il reale, la punta di petto e la polpa di vitello e uniteli per un macinato da hamburger veramente sopraffino.

Un altro accorgimento sta nel non condire l’interno del macinato, ma soltanto la parte superficiale una volta che avrete dato alla carne il classico aspetto da burger. Abbondate con sale e pepe, sia prima della cottura sia durante. Veniamo ora allo sfrigolio su griglia. La regola d’oro per eccellenza è: non schiacciare la carne! Il gesto che infatti viene istintivo fare è quello di pressare la carne con la spatola ma, così facendo, tutti i succhi che rendono il macinato morbido e succulento si perderanno. Resistete alla tentazione e aspettate che l’hamburger si cuocia: noterete la differenza. E il panino? Non va di certo dimenticato! Il vero segreto è tostarlo e imburrarlo. Ripetete l’operazione sia prima della tostatura sulla griglia sia dopo, il risultato sarà sorprendente.

RICETTE GOURMET

I grandi classici come il cheeseburger o l’hamburger tradizionali restano sempre buonissimi e intramontabili. Il famosissimo panino morbido ricoperto di sesamo, arricchito con insalata, pomodori, cipolla per i più audaci e varie salse in grado di esaltarne il sapore come ketchup, maionese o senape continua ad essere, ancora, una certezza di cui è difficile stancarsi. Conditi, poi, con cheddar, fontina e pecorino che lentamente si sciolgono sulla carne fino quasi ad abbracciarla e potenziati da tipologie più disparate di pomodori carnosi come i San Marzano, questi panini sono veramente da considerarsi come non ovvi e gustosi, per grandi e più piccini.