Buona Salute

Senza glutine: quando e perchè

17/04/2018

Celiachia, sensibilità al glutine non celiaca e allergia al grano rappresentano le tre categorie dei disturbi correlati al glutine: vediamo cosa sono, come si manifestano e come si possono affrontare.

Celiachia

La celiachia è un’intolleranza permanente del sistema immunitario al glutine, sostanza proteica collante presente in alcuni cereali, che interessa in Italia circa 1 persona su 100. L’assunzione di glutine provoca, nei soggetti celiaci, una reazione immunitaria a carico dell’intestino, determinandone un’infiammazione cronica.

Il danneggiamento dei villi intestinali comporta l’impossibilità di assorbire i nutrienti fondamentali, provocando uno stato di malnutrizione e di carenze nutrizionali.

 

Come si manifesta

I sintomi che possono far sospettare la celiachia sono dolori addominali, gonfiore, diarrea, mal di testa, dolori articolari, perdita di peso e di appetito, stanchezza e vomito.

Nei bambini si ha un rallentamento della crescita e la presenza di carenze nutrizionali.

 

Sensibilità al glutine non celiaca

Si stima che la sensibilità al glutine non celiaca, condizione di reazione all’introduzione di glutine nella dieta, sia più diffusa della celiachia stessa. I sintomi ad essa correlati, che possono insorgere ad ogni età,  compaiono generalmente qualche ora o giorno dopo l’assunzione di alimenti contenenti glutine.

 

Come si manifesta

I sintomi più diffusi sono dolori addominali, gonfiore, diarrea, dolori articolari e muscolari, mal di testa e vomito, ai quali possono essere associati stanchezza, difficoltà di concentrazione e formicolio alle articolazioni.

 

 

 

 

 

Allergia al grano

L’allergia al grano, che in Italia colpisce 1 persona su 1000, è un’allergia alimentare che produce la formazione di anticorpi contro gli allergeni del frumento quando questo viene assunto.

 

Come si manifesta

I sintomi più diffusi riguardano la pelle, con l’insorgenza di problemi cutanei e le vie respiratorie, con il manifestarsi dell’asma, soprattutto nei bambini.

 

Come affrontare i disturbi correlati al glutine

Di fronte a un sospetto di celiachia, allergia al grano o sensibilità al glutine non celiaca si deve consultare un medico e svolgere gli accertamenti diagnostici necessari.

Si ha un miglioramento dei sintomi legati a tutte le tre patologie solo eliminando il glutine dalla dieta.

 

 Scopri i prodotti