Mangiare sano

Un menù per 7 giorni

30/05/2017

Una dieta sana ed equilibrata non è legata soltanto al cibo, ma anche all’attività fisica e ai liquidi che assumiamo. Su questo Alberto Ferrando, presidente di Apel (Associazione Pediatri Liguri), non ha dubbi.

Una questione di metodo?

Certo, si tratta solo del punto di partenza, perché l’organizzazione del menù settimanale deve tenere conto di molti fattori: “Partendo dalla divisione presente nella piramide alimentare, possiamo avere un’idea chiara delle percentuali per ogni alimento”.

Cinque porzioni al giorno di ortaggi e frutta, tre o quattro porzioni al giorno di cereali (grano, mais, farro e altre farine), una o due di latte, yogurt e formaggi. Nell’arco della settimana saranno 4 o 5 le porzioni di legumi da consumare, un paio quelle di pesce, non più di tre quelle di carne bianca o rossa e una volta l’uovo. “Preferite una merenda a base di yogurt, frutta e cereali”.

 

Vale per tutta la famiglia

Un menù organizzato settimanalmente permette di avere più chiara la lista della spesa, limitare gli sprechi e di non arrovellarsi troppo con la fatidica domanda: “cosa preparo per cena?”. “È importante ricordare che, dal primo anno di età, si possono preparare le stesse pietanze per tutta la famiglia – sottolinea Ferrando – Quindi cibi genuini per tutti, perché la dieta che seguono i nostri figli vale anche per noi. Non va dimenticato, infatti, che i bambini sono stimolati a mangiare sano se diamo il buon esempio. Il pasto deve essere un momento di unione e comunicazione”.

 

Globalizzazione anche a tavola

“Esiste anche una piramide alimentare transculturale – aggiunge Ferrando – che tiene conto di prodotti molto utilizzati in altre culture. Il mio consiglio è quello di provarli e di inserirli ogni tanto nella dieta”. Ad esempio si possono aggiungere noci e semi, il cui consumo viene suggerito una volta al giorno, e diverse tipologie di cereali, ortaggi e frutta molto usati in Africa, Asia o Sud America. Se avete qualche dubbio sulla scelta, chiedete agli esperti Basko dei reparti ortofrutta.

Commenti