Mangiare sano

Vivere senza zucchero? Si può!

30/05/2017

Limitare l’apporto di zuccheri può essere una buona idea per rimettersi in forma, ed è più facile di quanto possa sembrare: dobbiamo fare innanzitutto attenzione al consumo di caramelle, chewing-gum, succhi di frutta, bibite e bevande gassate, birra e vino. Ecco qualche consiglio per affrontare al meglio e senza troppe rinunce i pasti di una giornata-tipo senza zucchero.

Una colazione ben combinata

“Anche se siamo a dieta, al mattino abbiamo bisogno delle energie necessarie per affrontare al meglio la giornata, quindi la colazione non si deve mai saltare – spiega la nutrizionista Elena Ambrosin – Un frutto di stagione per iniziare. Per continuare, cereali, meglio in fiocchi, come l’avena, accompagnati da un latte vegetale: quello di soia è il meno zuccherino, in alternativa vanno bene anche quelli di avena o mandorla. Concludiamo con un caffè d’orzo o di farro”. A metà mattinata un altro frutto può fare da spuntino, o in alternativa si può optare per qualcosa di più “goloso” come una tazzina di ricotta aromatizzata a piacere con cannella, cacao amaro o caffè: “Per addolcire i cibi alcune spezie sono perfette in sostituzione dello zucchero. Infine, qualche seme oleaginoso per assumere la giusta quota proteica”.

 

Il pranzo? Completo

Come primo piatto, la preferenza va ai cereali integrali, base per un risotto o un orzotto. In alternativa, le patate: “Meglio se cotte al vapore. Proseguiamo con un piccolo pesce, per esempio una sogliola, oppure dei legumi”. Non possiamo fare a meno di un po’ di verdura cruda di stagione: “Asparagi, carciofi o comunque un ortaggio dal gusto neutro o di per sé dolce. Bene anche i germogli”, consiglia l’esperta.

 

Leggeri a cena

Il minestrone, ottimo, ma più complesso da preparare, può essere sostituito da una vellutata: “Per esempio di cavoli o di broccoli – spiega Ambrosin – in alternativa si può preparare uno sformato di verdure”. Il secondo piatto può essere, anche in questo caso, di pesce o legumi (cercate di alternarli anche rispetto a quanto mangiato a pranzo). Da ricordare infine che “carne, preferibilmente bianca, uova e latticini in una dieta equilibrata andrebbero consumati una volta a settimana”.

Commenti